venerdì 28 novembre 2014

Colombia and Peru may have visa-free access to the Schengen area during 2015

European CommissionPress release
Brussels, 29 October 2014

European Parliament and Council Regulation No 509/20141 amended the lists of countries whose nationals must be in possession of visas when crossing the external borders and those whose nationals are exempt from that requirement.

We're speaking of 19 countries

  1. Colombia, 
  2. Dominica, 
  3. Grenada, 
  4. Kiribati, 
  5. Marshall Islands, 
  6. Micronesia, 
  7. Nauru, 
  8. Palau, 
  9. Peru, 
  10. Saint Lucia, 
  11. Saint Vincent and the Grenadines, 
  12. Samoa, 
  13. Solomon Islands, 
  14. Timor-Leste, 
  15. Tonga, 
  16. Trinidad and Tobago, 
  17. Tuvalu, 
  18. the United Arab Emirates 
  19. Vanuatu. 
For nationals of these 19 countries, the exemption from the visa requirement will only apply from the date of entry into force of an agreement on visa exemption to be concluded by each of these countries with the European Union.
The Commission will seek authorisation from the Council to negotiate short-stay visa waiver agreements with each of the two countries. If the Council grants such an authorisation, negotiations could start in the first trimester of 2015. Only after the agreements enter into force will visa-free for the citizens of these countries become a reality. This could happen, at the very earliest, in the second half Tf 2015.

PERU
More Peruvians are willing to travel to the Schengen area for tourism, business or other
types of short stays.

The number of Schengen visas issued in Peru has grown by 21% in the last four years.
While in 2010 the number of visas issued was 39914, by 2013 the number had reached 48488.

This increase is probably linked to the significant economic growth experienced by Peru in the last decade;

The vast majority of Peruvian applicants (93.3% in 2013) are considered to be bona fide
travellers who pose no risk and therefore obtain a short-stay visa, with the visa refusal rate
having decreased significantly in the last four years, from 11.6% in 2010 to 6.7% in 2013.

COLOMBIA
In 2013 the number of Schengen visas issued was 121019, which represents an increase of 42.7% compared to 2010.
This increase is probably linked to the significant economic growth experienced by Colombia in parallel with recent improvements in the security situation;


The vast majority of Colombian applicants (95.2% in 2013) are considered to be bona
fide travellers who pose no risk and therefore obtain a short-stay visa, with the visa refusal
rate having more than halved in four years, from 11.2% in 2010 to 4.8% in 2013.

An increasing proportion of these applicants (40.9% in 2013) are getting multiple entry visas,
which also indicates that the Schengen consulates have greater trust in Colombian applicants.

martedì 25 novembre 2014

How long may I stay in the Schengen zone?


If you don't know how to calculate how long  you can stay in Schengen area, please follow this indications.

Any tourist – irrespective of being visa required or exempt – who intend to travel to the Schengen area for a short stay must know that the maximum duration of authorized stay is defined as "90 days in any 180-day period".

The date of entry shall be considered as the first day of stay on the territory of the Schengen States and the date of exit shall be considered as the last day of stay on the territory of the Schengen States.

Note that periods of stay authorised under a residence permit or a long-stay visa shall not be taken into account in the calculation of the duration of stay on the territory of the Member States.

The notion of "any", implies the application of a "moving" 180-day reference period, looking backwards at each day of the stay (be it at the entry or at the day of an actual check), into the last 180-day period, in order to verify if the 90 days / 180-day requirement continues to be fulfilled.
Is like a dynamic, moving date in the present or in the future.

A practical method is to ask yourself a simple question:

How many days in the past 180 days (counting backwards starting today or tomorrow) I’ve spent in Schengen area?

If the result is “x”, simply do a rest (90-x) to know how many days you may still remain in Schengen area.

So, for example, if you go to UK (or maybe Bulgaria, Croatia, Ireland, Romania, Cyprus as they are not yet part of the Schengen area without internal borders) for 30 days, after those 30 days you may ask yourself that question.

Practical example:

  • You arrive in Rome on 01.01.2015.
  • On 31.03.2015 you ask yourself the question and the result is that you spent 90 days in the previous 180 (from October 2014 to march 2015).
So, you’ve spent 90 of the 90 days allowed, and you must exit Schengen area immediately, if not you’ll become an over-stayer, which is not recommended at all.

In this case when you may enter in Schengen area again?

Let’s resume:
  • From 1.1 to 31.3 you was in the area.
    Let’s suppose you’re planning to enter Italy again on May 15.
So, use the may 15 date as dynamic date and ask yourself:
How many days in the past 180 (counting backwards from may 15) I’ve spent in the Schengen area?

So, the 180 period that ends on May 15, 2015 starts on November 15, 2014 (6 months period = 180 days). In that period you stayed already 90 days (January - March), so, no way to enter Schengen area yet.

If you ask the question again on july 15
Use the July 15 date as dynamic date and ask yourself:
How many days in the past 180 (counting backwards from july 15) I’ve spent in the Schengen area?

So, the 180 period that ends on July 15, 2015 starts on January 15, 2014 (6 months period = 180 days). In that period you stayed only 75 days, so, you may enter Schengen area again, but maximum for 15 days (75+15 = 90).

The point is you must use a date in the future and counting backwards 180 days from that date to check how many days you have still available

Complicated? A little, but once you understand the mechanism it become easy.

In order to apply the 90 days / 180-day rule, a calculator has been developed for the general public and for the Schengen authorities. The calculator is a helping tool only; it does not constitute a right to stay for a period resulting from its calculation. It is always for the Member States' competent authorities (in particular for the border guards) to implement the provisions and make a decision on the length of the authorized stay or on the overstay.

venerdì 21 novembre 2014

Semplificare le leggi: La guerra al burocratese


L'efficienza della PA e di tutto il sistema normativo italiano hanno un grosso macigno sulla testa: le numerose leggi, leggine, circolari, ed atti diversi che si susseguono sugli stessi argomenti, e che sono scritte in un linguaggio articolare, denominato burocratese,

Si tratta di atti con forza normativa o interpretativa che si sovrappongono e troppo spesso si contraddicono, e di conseguenza devono essere oggetto di interpretazione da chi la legge la dovrebbe applicare senza indugio.

In generale, sono leggi che magari si basano su un pensiero autentico, utile, ma che alla fine sono preparate male, sia dal punto di vista della redazione, sia dal punto di vista del contenuto. Si perde di vista il fatto che più una cosa e' semplice, più e' semplice applicarla.

Bisognerebbe avere il coraggio di capire che "semplice" non significa per forza di cose "inadeguato" o "incompleto".

Alcune situazioni sono veramente assurde; pensiamo alle leggi sulla cittadinanza o sul voto degli italiani all'estero.

Il discorso non e' per niente nuovo per gli italiani.

I primi tentativi di codificare la semplificazione e corretta redazione delle leggi si originano gia' nel 1800, se non prima.

Già nel 1812, G. Bernardoni, Capo di Divisione del Ministero dell'Interno, pubblicava lo scritto "Elenco di alcune parole oggidì frequentemente in uso; le quali non sono ne' vocabolari italiani". Lo stesso parla di "barbarismi" incomprensibili sia ai forestieri, sia agli stessi italiani.

A Milano, nel 1830, Giuseppe Dembsher scrive il suo Manuale, o sia la guida per migliorare lo stile di cancelleria dove troviamo alcune indicazioni che eviterebbero l’oscurità della scrittura burocratica, scrittura che oggi chiamiamo burocratese:


«se si eviteranno i vocaboli di multiforme significato; se la costruzione sarà la più semplice possibile; se i periodi saranno brevi; se non si adoperanno voci nuove o straniere che in caso di assoluta necessità»;

Gia' nel 1800 avevamo qualche problema eh? E non li abbiamo mica risolti....
Noi italiani siamo tosti eh? Tostissimi direi! ;-)


Articolo basato sugli interventi realizzati in
La carica delle 101 - Idee per una PA migliore" - FORUM PA EDIZIONI, marzo 2012.

giovedì 20 novembre 2014

Europa, euro ed immigrati: La colpa non è la loro

Ma che bello e semplice è in un momento di profonda crisi economica e sociale dare la colpa agli altri dei propri fallimenti. Ci laviamo le mani, proprio come Ponzio Pilato, e non affrontiamo la realtà delle cose adducendo che fattori esterni ci hanno portato nel baratro in cui siamo.
Ma attenzione: La colpa è solo nostra, degli italiani.
Da una parte dei partiti, da una parte dei cittadini. Stop.

La colpa non è dell'Europa,
E' sicuramente vero che ci ha messo dei vincoli economici inflessibili e difficili da rispettare, ma da decenni il problema dell'Italia e' che i soldi sono stati spesi male, con fini elettorali e senza pensare alla crescita del Paese.
Le varie finanziare si sono susseguite con il solo scopo di avere piu' consenso popolare, non tenendo in conto la crescita del paese.

La colpa non e' dell'Euro.
Quando nel 2002 l'euro inizio' a circolare l'Euro, si diffuse l'idea che 1 euro corrispondeva a 1000 lire. Questo di fatto ha dimezzato il potere di acquisto degli italiani, raddoppiando i prezzi dei beni di consumo, degli immobili e di tutto il resto. Di chi e' la colpa se non degli italiani al potere che davanti a questa situazione non hanno posto in essere strategie correttive? E i cittadini, che hanno fatto? Nulla.

La colpa non e' degli immigrati
Non sono loro che ci levano il lavoro,
Loro fanno i lavori che noi non vogliamo fare.
Dovremmo rimboccarci le maniche e cominciare ad imparare di nuovo gli antichi mestieri,
Se vogliamo un mondo globalizzato, che considero una tendenza inarrestabile, dobbiamo anche fare i conti con questa realtà.


Basta quindi dare la colpa agli altri.

La colpa è solo nostra
, e oggi paghiamo le conseguenze della nostra decennale leggerezza e della nostra scarsa capacita' di ribellione verso un sistema inefficiente e corrotto.







I Sindacati si trasformino

Il sindacato nasce nei primi anni del 1800, e da allora ha sempre svolto un ruolo centrale nella difesa dei diritti e le condizioni di lavoro dei lavoratori (nota bene: che pagano la mensilità di associazione).

Il problema, e' che come ogni cosa, il sindacato non dovrebbe essere una struttura statica ed immodificabile, sempre fissa sulle proprie posizioni, ma al contrario, il sindacato, come tutte le altre organizzazioni, dovrebbe essere sufficientemente elastico e poter modificare i propri obiettivi, le proprie caratteristiche secondo necessita'.

Ora, che senso ha difendere i diritti dei lavoratori in un sistema che non produce possibilità di lavoro?  

Che senso ha difendere i diritti acquisiti dei lavoratori in un Paese dove si supera il 40% di disoccupazione giovanile

Il sindacato deve trasformarsi e diventare una struttura che si trovi al centro, tra lo Stato ed i cittadini, ma che i suoi obiettivi riguardino entrambe le parti, e non solo una di esse.

Vuol dire difendere i diritti dei lavoratori pensando anche al bene comune, allo Stato e al bene della nazione, nella consapevolezza che non siamo tutti uguali.

Difendere tutti i lavoratori senza distinzione e' sbagliato. E la perdita di potere a livello contrattuale e' il risultato della gestione fallimentare dei sindacati negli ultimi decenni.

Ci sono lavoratori che non andrebbero mai difesi semplicemente perché' non se lo meritano. Sono quei lavoratori che peggiorano i servizi, sfruttano lo Stato, il sistema, i colleghi, non seguono le regole, non producono, non hanno interesse a fare meglio e che - per fare un paragone - in una azienda all'estero sarebbero licenziati senza indugio.

Al contrario ci sono lavoratori che pur con qualifiche mediocri sono un eccellenza nel lavoro, e questa eccellenza non vene mai riconosciuta.

I sindacati dovrebbero trasformarsi e diventare un motore che spinga allo sviluppo economico, al sistema meritocratico, al conseguimento della felicita' del lavoratore, ma nel contempo una forza che partecipi alla creazione di uno Stato migliore che offra più possibilità di lavoro e sviluppo, conciliando tra interesse statale (l'interesse del bene comune) e l'interessa individuale della forza lavoro.

Utopia? Forse.
Ma con le utopie si può cambiare il mondo.






I dottorini salvino il policlinico Umberto Primo

È interessante vedere come tutte le degenerazioni del sistema italiano siano talmente ramificate da sembrare simili anche se in settori totalmente diversi.

Di passaggio per Roma, dopo aver fatto un salto nei Balcani, una serie di fitte all'addome hanno impedito il mio arrembaggio alla buonissima pizza al taglio romana, ed invece, mi hanno costretto a dirigermi al policlinico a me più vicino, l'Umberto I.

Australia: 2 anni fa, mi hanno operato in un ospedale pubblico Australiano per l'asportazione della cistifellea, e in 3 giorni ho fatto ricovero, esami, operazione e mi hanno poi mandato a casa.
Solo 3 giorni di ricovero
. In una struttura pubblica, che sembrava una clinica privata.
Italia: Dopo 15 giorni di ricovero, e una operazione per l'asportazione di un calcolo alle vie biliari tramite CPRE, sono dovuto scappare firmando volontariamente. Per loro sarei potuto pure rimanere qualche giorno in piu, Tanto paga lo Stato.

Per farla breve, ecco qualche chicca sul ricovero:

  1. Ho passato 5 ore in pronto soccorso (fortunato mi hanno detto) il primo giorno, ma ho rifiutato il ricovero.
  2. Il secondo giorno, ho dovuto arrendermi, e dopo altre 8 ore di pronto soccorso sono stato ricoverato nella III clinica chirurgica, terzo piano, letto 333.
  3. Nel reparto in bagno la carta igienica non esiste, come non esiste il sapone, non esiste carta per asciugarsi le mani o liquido disinfettante.
  4. Bisogna aspettare svariati giorni per gli esami tipo tac e risonanza magnetica. Io sono stato fortunato, ho dovuto aspettare solo 5 giorni dalla data del ricovero.
  5. E poi altri 5 per l'operazione. Fortunatissimo, mi dicono!.
  6. Il sabato e la domenica sono giorni "morti". Difficile essere dimesso d sabato, ed impossibile di domenica. Tanto paga lo Stato.
  7. Un compagno di stanza  e' stato 15gg senza che gli facessero niente, e questo perché la farmacia non aveva ferro ospedaliero da applicargli attraverso la flebo. Proprio cosi'. Niente cure per 15 gg, ma ha comunque occupato un posto in ospedale perché aveva bassa l'emoglobina.
  8. Un altro paziente e' rimasto 40 giorni ricoverato per un problema al nervo del braccio e dopo 3 TAC e 3 Risonanze, hanno deciso che era inoperabile e che doveva fare la riabilitazione. ma per farlo deve dimettersi volontariamente per poi iniziare la riabilitazione nello stesso ospedale.
  9. I dottori passano una volta al giorno verso le 10 Am, e poi basta, spariscono, PUFF! Magia!
  10. E quando passano tu non sei altro che un soprammobile: Il paziente non viene informato della sua condizione, di quello che stanno facendo, di come procede la cura, Niente. Il paziente e' ZERO. NULLA. NIENTE.
  11. Ho avuto un innalzamento di pressione, ed ho dovuto sempre chiedere io di misurarmela 2-3 volte al giorno. E dopo 2 giorni che non facevano nulla al riguardo ho dovuto comprare io stesso  le medicine per abbassarla, perché la farmacia dell'ospedale non aveva quelle adatte.
Unica cosa positiva: I dottorini. Hanno un approccio professionale, con maggiore attenzione al paziente, e rispondono alle domande, anche se si intravede gia', la contaminazione che ricevono dai loro superiori. E sono trattati male da quei professoroni arroganti che si credono al di sopra di tutto (come anche qualche infermiere, ma sono l'eccezione), e che non si sono accorti come siano peggio, ma molto peggio dei giovanotti che presto li rimpiazzeranno.

E la cosa incredibile, e' che tutta questa disorganizzazione e inefficienza, sembra ormai la norma per tutti quanti. E' normale che le cose vadano cosi'. Nessuno si scandalizza.

Consiglio: Se possibile, evitate quel lagher. A meno che i dottorini si ribellino, le cose da quelle parti non sono destinate a migliorare.

Il dilemma dell'intervento armato

Il dilemma dell'intervento armato

Intervenire o no. Prima in Afghanistan, poi in Iraq, Libia, Siria, magari in Ukraina e poi forse in Korea.
Questo è il dilemma.

Gia' i Greci e Romani parlavano di "Guerra giusta". Anche Sant'Agostino e poi San Tommaso giustificano in alcuni casi l'entrata in guerra di un cristiano.

Premesso che non sono assolutamente un pacifista e che non sono neanche uno dal grilletto facile, in questi giorni ho ripensato ai dilemmi morali che spesso ci troviamo ad affrontare.

Nessun uomo normale desidera la guerra. La guerra porta solo dolore, morte, distruzione. Ma.........

Mi sono posto questo dilemma.
  • Sai con assoluta certezza che il tuo vicino di casa, rispettabile membro della comunità del tuo paese, esce ogni sera di casa ed ammazza un membro della comunità a caso.
  • Hai avvisato la polizia, ma loro non fanno nulla perchè ritengono che non ci siano prove, e dicono che è improbabile che tu abbia ragione.
  • Hai provato a convincere amici, parenti ed altri vicini cercando di creare un gruppo che sia capace di fermare quell'uomo, ma nessuno ti da ascolto.
  • Hai pensato di rapirlo e tenerlo in una gabbia nel tuo scantinato per sempre, a pane e acqua, ma ciò non è possibile perché la polizia lo libererebbe e metterebbe dentro te per sequestro di persona.
  • Le hai proprio tentate tutte affinché qualcuno intervenga, senza alcun successo.

Cosa dovresti fare in questa situazione?

  1. Niente. Hai avvisato la polizia, e quindi anche se ogni giorno qualcuno morirà ammazzato, il tuo dovere lo hai fatto, informando le autorità di polizia.
  2. Lo togli dalla circolazione, uccidendolo. Con tutte le conseguenze penali che questo comporta.
Pensaci un attimo, e rispondi, e dopo che hai risposto, chiediti:
  1. La mia risposta cambierebbe se sapessi con certezza che il prossimo ad essere ucciso sarebbe mio figlio?
  2. Se non intervengo, altre persone moriranno. Se intervengo, vivranno. Quindi se non intervengo non stanno forse morendo anche per colpa mia? 

Un dilemma del genere fa riflettere.

Se ho risposto la numero 1, metto in rischio la vita di mio figlio, e permetterò che un assassino continui ad uccidere. Legalmente però sono intoccabile poiché ho fatto il mio dovere e ho avvisato la polizia.

Se ho risposto la numero 2 vado in prigione e avrò ucciso un uomo, ma avrò salvato la vita di tanti altri.

Chissà che ne pensate voi, ma questo dilemma non è forse applicabile anche ad alcune situazioni che possono portarci ad iniziare una guerra?

Se qualcuno invade il tuo Paese, ed uccide i tuoi vicini, e minaccia di uccidere anche te, non darà  forse a tutti l'autorizzazione a difendersi con le armi?

Se ti piacciono i dilemmi, ecco alcuni link:

http://www.haverford.edu/psych/ddavis/p109g/kohlberg.dilemmas.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Dilemma_del_prigioniero